Ancora Franciacorta – Le Marchesine

sabato pomeriggio siamo tornati in Franciacorta per visitare una nuova cantina. Giornata piovosa, viti spoglie: mi sono dimenticata di immortalare il paesaggio arrivando e uscendo era troppo buio

il racconto è partito dalla geografia e dai vari tipi di terreno dell’azienda, che prende il nome dall’area vicina all’attuale cantina, le Marchesine appunto. Usano solo acciaio, non barrique. Per motivi di spazio lo spazio della cantina è sfruttato al massimo anche in altezza

il remuage, l’operazione che consiste nel cambiare l’inclinazione delle bottiglie, non viene più fatto manualmente ma con dei macchinari

dopo il dégorgement (eliminazione del sedimento che il remuage ha portato a concentrarsi nel collo della bottiglia), il processo si chiude con il dosaggio. Consiste nell’aggiunta di liqueur d’expédition in quantità variabili a seconda della tipologia di vino che si vuole ottenere – da pas dosé a doux. E di un eventuale rabbocco dello stesso vino

vengono poi apposti i tappi. Loro usano solo sughero portoghese, di qualità

terminata la visita siamo passati all’assaggio, partendo da un extra brut, adatto per un aperitivo. Poi il mio adorato Satèn, caratterizzato dalla finezza delle bollicine. Non abbiamo provato il rosé. Abbiamo invece terminato con uno strepitoso brut Blanc de blancs millesimato

non ci stanchiamo della Franciacorta, ogni cantina ha le sue peculiarità. Non si finisce mai di imparare e poi bere è sempre un piacere!

http://www.lemarchesine.com/it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.