Franceschetta58, la sorella minore dell’Osteria Francescana (Massimo Bottura)

nell’attesa di provare – forse un giorno – il miglior ristorante al mondo, ho cenato al bistrot di Bottura, in via Vignolese 58 a Modena. Il locale è simpatico, con piatti alle pareti, tavoli apparecchiati in modo semplice ma elegante, piatti e bicchieri uno diverso dall’altro, posate in brocche

ho scelto il menu degustazione Tradizione in Evoluzione. Nell’attesa crema di zucca con parmigiano. Per iniziare una golosa pancetta 18 mesi con mostarda di mela campanina, presentate su una tavoletta d’ardesia, seguite da un mini burger (Emilia) con cotechino e parmigiano e due salse, tortellini in crema di parmigiano – spettacolari

e poi lingua con salsa al vino rosso, cavolo marinato e crema di patate. La lingua non è un piatto comune, in questo caso la ricetta la esalta e la crema di patate la ingentilisce

il tutto accompagnato da uno sfizioso cestino con diversi tipi di pane, focaccia, polenta croccante e grissini al pomodoro

per chiudere zuppa inglese, che mi ha convinto meno di tutto il resto, forse perché non è tra i miei dolci preferiti e mandorle caramellate e speziate

50 euro ben spesi, abbiamo scelto un buon Lambrusco in abbinamento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.